#PolifoniaH2020. Campane storiche nel Catalogo dei Beni Culturali Italiani

Lo sapevi che nel patrimonio dell’Istituto Centrale per i beni sonori ed audiovisivi si possono trovare alcuni documenti storici pubblicati dalla RCA Records sul suono delle campane di alcune delle maggiori Basiliche e Chiese romane?

San Pietro e il Vaticano -Disco sonoro 33 giri

Il patrimonio campanario è un bene complesso fatto di conoscenze e di tradizioni centenarie di territori specifici ed è costituito da componenti materiali e immateriali che contribuiscono alla formazione di quello che è un vero e proprio strumento musicale.

Si tramanda la notizia che l’ invenzione della campana, come oggetto utilizzato in ambito ecclesiastico, sia stata attribuita a Ponzio Anicio Meropio Paolino, Vescovo della città di Nola, originario della Aquitania, venerato dalla Chiesa cattolica come santo. Purtroppo, come tante memorie tramandate attraverso le generazioni, non vi è alcun documento che ne attesti la veridicità.

Chiara Veniata ed Elena Musumeci dell’ICCD (partner di ICBSA nel progetto #PolifoniaH2020 per il Ministero della Cultura) hanno pubblicato un interessante articolo nel Catalogo Generale dei Beni Culturali che descrive alcune curiosità sulle campane tra cui l’origine del nome e alcune caratteristiche di fabbricazione. Leggi l’articolo.

Crediti: testo a cura di Bianca Maria Zaccheo; Immagine campana: campanarigubbio.it; Immagine etichetta disco: ICBSA



Citare questo post
biazac01 (2022, 1 Aprile). #PolifoniaH2020. Campane storiche nel Catalogo dei Beni Culturali Italiani. ICBSAItalia. Recuperato il 22 Febbraio 2024, da https://doi.org/10.58079/psjk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search