Leopardi a Palazzo Antici Mattei

L’istituto Centrale per i beni sonori ed audiovisivi (ICBSA) è ospitato presso Palazzo Mattei di Giove a Roma, un palazzo storico edificato da Carlo Maderno tra il 1598 e il 1611 per Asdrubale Mattei, duca di Giove, in occasione delle sue seconde nozze con Costanza Gonzaga (1595).

Palazzo dei Duchi Mattei

Palazzo Mattei di Giove è uno scrigno di tesori inestimabili e di interessanti storie. Il Palazzo e i suoi abitanti sono stati testimoni dell’inquieta vita del Caravaggio, della maestria di artisti come Pietro da Cortona, Domenichino e Giovanni Lanfranco che ne hanno lasciato testimonianza con meravigliosi affreschi.

Il palazzo ha, inoltre, ospitato uno dei maggiori poeti dell’Ottocento italiano, Giacomo Leopardi che oltre ad essere una delle più importanti figure della letteratura mondiale, è stato uno dei principali esponenti del romanticismo letterario, sebbene, abbia sempre criticato la corrente romantica, ritenendosi più vicino al classicismo.

Le sue riflessioni sull’esistenza e sulla condizione umana ne fanno, inoltre, un filosofo di spessore. La particolarità lirica della sua poesia lo ha reso un protagonista nel panorama letterario e culturale internazionale, influenzando ben oltre la sua epoca e il brevissimo, così sofferto soggiorno a Roma.

Tra il novembre del 1822 e l’aprile del 1823 Giacomo Leopardi, poeta, filosofo, scrittore, filologo italiano, fu ospite nelle stanze del terzo piano del palazzo degli zii Antici-Mattei, locali in cui attualmente si svolgono le attività degli uffici dell’ICBSA. Il Poeta scrive “Il soggiorno romano a palazzo Antici Mattei in una stanza d’angolo al terzo piano è un elenco di tutti i mali della città”

Il soggiorno fu l’occasione per il Leopardi di scrivere missive ai suoi cari comunicando le sue impressioni sulla capitale e fornendo una lettura personale dello spirito che aleggiava intorno a sé, a partire dall’osservazione della vita quotidiana della famiglia di suo zio materno, Carlo Antici che aveva acquisito il palazzo attraverso il matrimonio con l’ultima erede dei Mattei, Marianna, da cui il nome Antici Mattei dato al palazzo all’epoca.

L’ICBSA ha voluto dedicare al soggiorno romano del poeta un breve documentario in cui, attraverso le parole della prima lettera inviata alla madre, la marchesa Adelaide Antici, appena giunto a Roma il 23 novembre 1822, vengono mostrati alcuni tesori e scorci del palazzo e dei suoi interni.

Che il palazzo sia imponente e che sovrasta con questa sua mole le piccole case e i vicoli stretti maleodoranti del ghetto è in eterno contrasto e sfida con il vicino palazzo Cenci e diventa per Leopardi una galera dorata di cui non riesce ad apprezzare la bellezza, il decoro degli affreschi del piano nobile di questo palazzo, affrescato dal Dominichino e da Pietro da Cortona, perché come scrive alla sorella Paolina il 3 dicembre del 1822: tutta la grandezza di Roma non serve altro che a moltiplicare le distanze (………) spazi che contengono uomini.

Crediti: testo e redazione a cura di Bianca Maria Zaccheo

Il documentario è stato realizzato da: Produzione Video Fabbrica di Note con la regia di Antonio Buldini; Attore e voce narrate Massimo Di Vincenzo; Dop Armando Brecciaroli; Drone Saba Basharuli; Montaggio FDN Video; Color Technobox; Segreteria di Prodizione Riccardo Buldini; Organizzazione esecutiva Alberta Di Marco; Coordinamento e Rapporti Istituzionali ICBSA Bianca Maria Zaccheo

ENGLISH VERSION


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search