L’indicazione della velocità di rotazione sulle etichette dei dischi Soc. Nazionale del “Grammofono” presenti nell’archivio ICBSA. (parte seconda)

Per concludere questa breve riflessione su un aspetto tecnologico della storia della riproduzione che dovrebbe contribuire ad una corretta conservazione dei fondi discografici storici negli archivi preposti, torniamo rapidamente all’analisi dei documenti ICBSA dai quali abbiamo avviato tutto il discorso.

Abbiamo rilevato come la presenza o meno dell’indicazione di velocità di rotazione, nel caso della Società Nazionale del “Grammofono”, sembri coincidere con le sue due fasi storiche di vita. Alcune sporadiche testimonianze della prima fase sembrano però rappresentare delle eccezioni alla tendenza generale riscontrata. In soli quattro casi, tra i duecento esaminati, le etichette discografiche portano stampigliato sul lato destro la velocità di rotazione. Tale anomalia può dipendere da vari fattori tra i quali il primo e più significativo è il dato cronologico: è del tutto verosimile che l’azienda, come consociata italiana della Gramophone inglese, abbia deciso di adottare le variazioni tipografiche intercorse dopo il 1922 con l’adozione esplicita dello standard dei 78 rpm (cambio di organizzazione grafica dell’etichetta, introduzione delle nuove Serie rappresentate da lettere maiuscole seguite da un numero, ecc.). Ancora, la pubblicazione del Catalogo Storico n.2 avvalora la necessità di una nuova “serie” nella quale il dato sulla velocità è imprescindibile.

Le immagini riportate sotto appartengono ad ambedue i casi ora descritti: il disco “Grammofono” DB 978 contenente la Sonata al chiaro di luna eseguita da Harold Bauer risente della nuova impostazione grafica di etichetta che prevede la scomparsa delle vecchie partizioni nella parte bassa, l’introduzione del nuovo numero di serie (è ancora presente, anche se fra parentesi e a sinistra, il vecchio numero editoriale dell’edizione inglese: 05938) e l’aggiunta dell’indicazione di velocità di rotazione; il disco “Grammofono” DB 129, contenente due interpretazioni di Enrico Caruso, appartiene invece a quel gruppo di incisioni raggruppate all’interno del Catalogo Storico n.2 pubblicato nel 1925 come risulta chiaramente dall’iscrizione posta ad arco tra DISCO “GRAMMOFONO” ed il logo: «Questo disco figura nel catalogo no.2 che contiene dischi di speciale interesse storico non compresi nel catalogo generale».

In quest’ultimo disco è interessante notare che esiste una contraddizione tra le indicazioni offerte nelle due facciate del disco ed il Catalogo Storico: il lato contenente l’aria Spirto gentil tratta da “La Favorita” è coerentemente riportata a 78 rpm sia sull’etichetta che sul catalogo; la romanza di Francesco Paolo Tosti Ideale risulta invece incisa, secondo il catalogo, a 80 rpm mentre l’etichetta ha stampigliato “Giri 78”

Disco etichetta rossa della Soc. Naz. del Grammofono” DB 129 (lato b).
La velocità di rotazione a 78 giri non corrisponde a quella originale di 80 rpm adottata nell’incisione fatta da Enrico Caruso nel 1906 e riportata nel Catalogo Storico
(ICBSA 7377)

Per concludere questa breve disamina sulla pratica di riportare la velocità di rotazione insieme alle informazioni discografiche, sarà opportuno ricordare che tale consuetudine è è presente all’interno dei cataloghi della Gramophone – His Master’s Voice fin dal 1907, posizionando l’informazione alla fine della scheda descrittiva del disco:

Questa prassi, che risulta normalmente utilizzata per le produzioni ordinarie, è impiegata anche, e forse ancor più, per i “Celebrity Records”:

Qualunque possa dunque essere stata la ragione che spingeva la società discografica ad adottare, in fase di registrazione, una velocità al posto di un’altra (rapporto tra spazio fisico del disco e contenuto sonoro da inserire, larghezza dei solchi e qualità sonora, ecc.) una cosa è certa: la libertà di utilizzo di tale velocità, che trovava un corrispettivo nei meccanismi di flessibilità che le macchine riproduttrici avevano nella scelta di quale adottare, non faceva mai venir meno le ragioni della fedeltà sonora, fattore di prestigio per l’azienda discografica testimoniato proprio dalla presenza sui cataloghi del suggerimento all’utenza sull’utilizzo corretto in fase di ascolto.

CREDITI: Testo a cura di Massimiliano Lopez; REDAZIONE: Bianca Maria Zaccheo, Antonella Bocca

Immagini dei cataloghi discografici tratte dalla rete.

English version

Il riversamento conservativo nel repertorio storico dei dischi a “78 giri”

Riversamento conservativo vs la visione dell’audiofilo.

Negli archivi audiovisivi è prassi comune quella di incrementare le aspettative conservative dei documenti posseduti attraverso il così detto riversamento conservativo, oggigiorno realizzato esclusivamente mediante la conversione in digitale delle informazioni in essi contenuti. Questa attività inoltre migliora anche le possibilità di fruizione da parte dell’utenza, fornendo la possibilità di consultare documenti altrimenti difficilmente consultabili. Per definire la modalità migliore per la produzione della copia digitale conservativa e per quella di consultazione, è stato necessario approfondire le conoscenze relative ai supporti sonori, alla loro storia ed alle tecnologie necessarie per il loro utilizzo.

L’ICBSA già prima dell’avvio delle attività per la realizzazione dell’Archivio Digitale (2005), ha analizzato le problematiche legate al riversamento conservativo dei dischi a “78 giri” evidenziando le molteplici criticità determinate dal fatto che questa categoria di supporti racchiude al suo interno supporti che rappresentano l’evoluzione tecnologica audiovisiva di oltre 60 anni a partire dalla fine dell’Ottocento, dalle prime incisioni acustiche a quelle elettriche realizzate a partire dal 1925. Durante questo periodo di tempo l’evoluzione tecnica ha modificato sotto molteplici aspetti le caratteristiche del disco realizzato da Berliner nel 1888, migliorando i materiali e i metodi di incisione, e sfruttando in fine, le possibilità offerte dall’applicazione dell’elettricità e degli apparati elettronici (motori elettrici, microfoni, amplificatori e applicazione progressiva dei sistemi di equalizzazione, ecc.). I tecnici e gli scienziati che si sono occupati della produzione dei dischi nel corso di questi anni, non hanno lasciato nulla di intentato al fine di migliorare la qualità di un prodotto che, anche per questa ragione, ha conosciuto una crescita ed una diffusione sempre crescente.

I dischi a 78 giri (schellac) commerciali possono essere considerati un formato sonoro con pochissimi, forse nessuno, standard tecnico stabile, rendendo le attività di riversamento conservativo particolarmente complesse a partire dalla scelta dello stilo di lettura alla determinazione della corretta velocità di rotazione e all’individuazione di una adeguata equalizzazione. Gli aspetti che contribuiscono al buon funzionamento ed alla corretta “lettura” di questi oggetti riguardano i materiali di cui sono composti, le caratteristiche geometriche, le dimensioni della traccia contenente l’informazione sonora, la corretta e costante velocità angolare di lettura, oltre alla qualità dei processi di produzione e la raffinatezza degli apparati di lettura.

L’approccio conservativo alla conservazione dei dischi antichi differisce quindi radicalmente dall’approccio dell’audiofilo, mentre nel primo caso si ricerca la migliore modalità per catturare nella maniera più oggettiva e precisa l’informazione contenuta nei dischi, l’audiofilo mira ad un risultato ideale che metta in risalto i pregi del suono originale e le qualità artistiche degli esecutori cercando di nascondere e minimizzare i difetti e tutto quanto è definito come rumore, anche a costo a volte di mistificare il reale contenuto del disco: «the desired signal from a record is only one part of all the information it contains and the ancillary information is very  important  because  it  determines the quality of the desired signal that may be obtained, if  you know how to use it1».

Conoscere i supporti, conoscere gli strumenti di riproduzione.

Dettaglio dei solchi del disco

Alcune caratteristiche dei dischi che influiscono direttamente sulla qualità e la fedeltà del suono riguardano aspetti geometrici e fisici. Prendiamo in considerazione le dimensioni del disco, la larghezza del solco e di conseguenza la lunghezza degli stessi, in rapporto alla durata del suono. La durata del suono dipende dalla lunghezza del solco e dalla velocità alla quale lo stilo lo percorre per leggere le informazioni (il suono) in esso contenute. Il solco è realizzato in forma di spirale archimedea che parte (tipicamente) dall’esterno e si avvolge verso l’interno, la velocità indicata per la lettura è una velocità angolare (78 rpm indica che il disco compie in un minuto sempre 78 giri) ma la puntina durante la lettura del solco, percorre delle circonferenze via via più strette riducendo la distanza percorsa a parità di tempo, diminuendo quindi la sua velocità lineare man mano che si avvicina al centro del disco.

Dimensione dei solchi

Questo aspetto ci dice fondamentalmente che lo spazio fisico occupato da un secondo di suono non è costante, esso diminuisce avvicinandosi al centro del disco, determinando una riduzione della qualità del suono in questa zona (aumento della densità di informazione). La lunghezza complessiva del solco dipende in maniera inversamente proporzionale alla sua larghezza, larghezza che dipende direttamente dall’intensità del suono specie alle frequenze più basse (per questo motivo prima dell’avvento dei sistemi di ripresa e di incisione elettrica, alcuni strumenti ed alcuni registri vocali sono praticamente assenti dalla produzione discografica). In un disco a 78 giri degli anni ’20 la larghezza del solco era mediamente intorno ai 150 micron ai quali bisogna aggiungere circa 100 micron di spazio di rispetto tra un solco e l’altro (land), arrivando ad una densità tra i 32 e i 38 solchi per cm.

Tutto ciò determinava che la durata massima di una facciata di un disco da 25 cm è di circa 3 minuti arrivando al massimo a 5 minuti per un disco da 30 cm. In realtà la velocità di rotazione dei dischi più antichi non era affatto stabilita in maniera assoluta anche se a volte sono presenti sulle etichette di alcuni dischi indicazioni abbastanza perentorie in merito. Le variazioni di velocità producono due effetti fondamentali, in fase di incisione permettono di aumentare entro certi limiti la durata del programma sonoro inciso, mentre in fase di ascolto impone una valutazione soggettiva da parte dell’utilizzatore che deve decidere “l’intonazione” giusta, la velocità di rotazione, alla quale ascoltare il disco.

Sono stati riscontrati casi nei quali nello stesso disco i brani presenti sulle due facciate sono incisi a velocità differenti, probabilmente semplicemente per riuscire a contenere completamente un brano che non poteva essere ulteriormente accorciato (Disco “CONCERT RECORD GRAMOPHONE” Etichetta verde – The Gramophone Company Numero di catalogo 250006 – 1909, Wagner – Lohengrin, Atto III – Preludio).

I grammofoni disponibili durante il periodo di produzione dei dischi a 78 giri (almeno fino agli anni ’30) erano tipicamente macchine completamente meccaniche, nessuna delle sue funzioni era prodotta da energia elettrica, a partire dal motore fino all’amplificazione del suono. Il motore in particolare era un meccanismo a molla più o meno potente che accumulava una carica meccanica mediante una manovella e una volta caricato rilasciava la sua energia mettendo in rotazione il piatto che supportava il disco. La velocità era controllata per mezzo di un regolatore centrifugo la cui azione poteva essere modificata mediante una vite che allontanava o avvicinava un freno di feltro o cuoio da un piccolo disco di metallo in rotazione solidale con il piatto, lasciando alla libera interpretazione dell’utilizzatore la scelta finale. Il range di velocità permesse poteva variare all’incirca fra 70 e 90 giri al minuto (parametri del tutto variabili in funzione delle condizioni generali della macchina e della potenza del motore) e le indicazioni disponibili erano un riferimento centrale e le scritte “lento” e “veloce” agli estremi del breve arco descritto dalla levetta di regolazione.

Il riversamento conservativo moderno naturalmente non utilizza per la lettura i grammofoni coevi dei dischi storici ma dei moderni giradischi che assicurano una precisa e costante velocità di rotazione fra quelle che nel tempo si sono affermate come standard per questa categoria di supporti. Si può quindi scegliere tra 78 giri (in realtà 78,26 rpm) 45 giri e 33 giri (in questo caso 33 e 1/3 rpm), ogni altra possibilità è teoricamente esclusa, a meno di utilizzare giradischi con variatori di velocità elettronici che permettono di accomodare questo valore in maniera precisa, sempre comunque secondo una valutazione del tutto soggettiva. Dalla nostra esperienza e dalla letteratura tecnica ancora disponibile è noto che le velocità di rotazione sono state nel tempo le più varie e nonostante i tentativi di documentare questo aspetto da parte di alcune case discografiche, non sempre è possibile definire questo parametro in maniera assoluta, in particolare per le incisioni precedenti l’avvento dell’epoca elettrica (1925) a causa dell’assoluta mancanza di quelle informazioni ancillari che a volte accompagnano il suono intenzionalmente inciso, come il rumore della rete elettrica (50 Hz in Europa e 60 Hz in America).

I moderni sistemi digitali ci permettono fortunatamente di risolvere la questione in diversi modi2. Il primo riguarda la possibilità di intervenire via software per modificare la velocità reale di lettura, arbitrariamente e quante volte si voglia, senza modificare il file originale prodotto per la conservazione alla velocità standard del giradischi, l’altro è quella di documentare gli interventi (soggettivi!) di modifica sul segnale originale e memorizzare questi interventi nei così detti metadati tecnici che accompagnano la produzione dei file digitali.

Il riversamento conservativo digitale è quindi una attività fondamentale per un archivio audiovisivo ed essa deve garantire parimenti la conservazione a lungo termine dei documenti originali e la possibilità di accedere al loro contenuto senza alterarne in maniera arbitraria nessuna delle sue caratteristiche ma anzi lasciando la più ampia possibilità di analisi ed interpretazione per il futuro.

note:

1 Brock-Nannestad, G. (1997). The Objective Basis for the Production of High Quality Transfers from Pre-1925 Sound Recordings, Proc. of AES 103rd Convention 1997 September 26-29, New York

2 IASA TC-04 Guidelines in the Production and Preservation of Digital Audio Objects: standards, recommended practices, and strategies: 2nd edition 5.2.5 Speed

Crediti: testo a cura di Luciano D’Aleo, restauratore- conservatore ICBSA; Redazione: Massimiliano Lopez; Bianca Maria Zaccheo, Antonella Bocca, ICBSA; Immagini dalla rete

La Storia da Ascoltare. Il fondo sonoro “La Parola dei Grandi”

La Grande guerra è stato il primo conflitto del nostro Paese di cui si conservi una memoria «sonora». La Discoteca di Stato nasce nel 1928 e a ciò non è estraneo quanto si andava compiendo per onorare la memoria della Grande guerra. Dieci anni dopo la “vittoria”, questa si vuole celebrare anche con segni evidenti nella fase di creazione di questa istituzione. Il nucleo discografico su cui si stratificherà la collezione dell’Istituto è composto da una “discoteca” contenente le incisioni dei più importanti generali impegnati sui fronti della prima guerra mondiale e di alcuni politici significativi sempre in questo ambito.

L’artista eclettico Rodolfo De Angelis pensò di raccogliere le voci di coloro che avevano svolto un ruolo di primo piano nella guerra, invitandoli a declamare i propri celebri discorsi nella raccolta la Parola dei Grandi. Sarà questa teca di dischi a costituire il nucleo iniziale della Discoteca di Stato una collezione, unica nel suo genere, che raccoglie le parole di Luigi Cadorna, Armando Diaz, accanto a quelle di Vittorio Emanuele Orlando (la più antica registrazione di un primo ministro italiano) o di Luigi Pirandello ne costituiscono una preziosa testimonianza. Ma chi fu Rodolfo De Angelis?

Un personaggio che, soprattutto durante gli anni trenta, diverrà un famosissimo autore e interprete di musica leggera, tuttora considerato un importante innovatore e più in generale un artista poliedrico e difficilmente incasellabile in uno stile prestabilito. Rodolfo De Angelis, autore tra l’altro della famosa “Cos’è questa crisi” che faceva il verso alla grande depressione economica della fine degli anni venti, spesso ancora oggi riproposta. Proveniva dall’ambiente artistico/teatrale futurista e probabilmente anche per questa sua derivazione ideò, nella prima metà degli anni venti, la realizzazione di documenti sonori inerenti la prima guerra mondiale da poco finita. Quindi Diaz che “rilegge” il suo bollettino della vittoria. Scolpito sul marmo del Vittoriano e “scolpito” su un disco.

Seppur fedeli alla loro originalità scritta, questi documenti recano proprietà del tutto particolari e inaspettate che le rendono fonti storiche di una importanza unica, peculiare.

Leggi il saggio degli autori Piero Cavallari e Antonella Fischetti da “Voci della Vittoria. La memoria sonora della Grande Guerra”; Donzelli Editore; Roma 2014

Crediti: saggio a cura di Piero Cavallari e Antonella Fischetti; redazione: Bianca Maria Zaccheo; fonte immagini DONZELLI EDITORE

Le «voci» storiche, contenute nel cd allegato al volume, sono tratte dal patrimonio ICBSA: Luigi Cadorna, Enrico Caviglia, Pietro Badoglio, Armando Diaz, Guglielmo Pecori-Giraldi, Paolo Thaon di Revel, Gaetano Giardino, Emanuele Filiberto duca d’Aosta, Vittorio Emanuele Orlando, Tommaso Tittoni, Carlo Delcroix, Filippo Tommaso Marinetti, Luigi Pirandello, Trilussa

Le registrazioni de “L’Italia combatte” nell’archivio dell’ICBSA

Radio Bari venne rimessa in funzione subito dopo l’8 settembre ‘43 sotto il diretto controllo delle forze armate alleate, inglesi in particolare.
Una esperienza molto rilevante, fonte di informazione sull’avanzamento della guerra di liberazione e mezzo operativo per i partigiani (attraverso messaggi speciali, istruzioni per il sabotaggio, direttive per l’azione) che gettò inoltre le basi di quella che sarà l’emittenza radiofonica dell’Italia libera e democratica. L’Italia Combatte fu la trasmissione di punta di Radio Bari dal 1943 al 1945. Alcune di queste trasmissioni furono registrate e sono arrivate nella loro autenticità a noi contemporanei.  Il focus del saggio si basa principalmente sulla trascrizione di questo fondo, che nonostante non possa avere la vivacità delle voci diffuse dalla radio, mantiene la dinamica della progressiva Liberazione dell’Italia dagli occupanti tedeschi e dal fascismo.
Piero Cavallari e Antonella Fischetti propongono nel saggio “L’Italia combatte. La voce della Resistenza da Radio Bari“, le trascrizioni delle trasmissioni della rubrica di Radio Bari L’Italia combatte conservate nell’archivio dell’Istituto Centrale per i beni sonori ed audiovisivi, proprio in quanto autentica fonte radiofonica trasmessa: autentica non relativamente alla analisi intrinseca della stessa, ma in quanto “andata in onda”, elemento di distinzione dalle trasmissioni di cui restano i soli testi scritti; per il resto da analizzare con le metodologie della ricerca storica, fonte tra le fonti da comparare, tenendo conto della peculiarità di un mezzo, quale quello radiofonico, che permettendo la trasmissione istantanea delle notizie e avendo una relativa possibilità di riorganizzare in tempo reale, almeno in parte, il proprio palinsesto, si affermò su altri media.

Crediti: saggio a cura di Piero Cavallari e Antonella Fischetti da L’Italia combatte! La voce della Resistenza da Radio Bari; Odradek; Roma 2020; Redazione: Bianca Maria Zaccheo

L’indicazione della velocità di rotazione sulle etichette dei dischi Soc. Nazionale del “Grammofono” presenti nell’archivio ICBSA. (prima parte)

Quando compare l’indicazione di velocità di rotazione all’interno delle etichette discografiche? Quando si arriva ad un uso standard di tale velocità? La possibilità di rispondere a tali quesiti passa inevitabilmente attraverso l’analisi dei documenti e delle fonti, che siano materiale proveniente dagli archivi storici delle case discografiche o che invece ci si rivolga direttamente ai supporti discografici.

Questo breve studio si pone proprio l’intento di verificare la presenza di indicazioni di velocità di rotazione sulle etichette dei dischi a “78 giri”, utilizzando come campione i supporti sonori prodotti dalla Società Nazionale del “Grammofono” nell’arco di tempo che va dal momento della sua costituzione, nel 1912, alla sua trasformazione in Soc. Anonima “La Voce del Padrone” il 22 ottobre 1937. Tutti i dischi qui esaminati appartengono all’archivio dell’ICBSA, e di questi saranno analizzati solo quelli già digitalizzati.

La scelta di studiare i documenti appartenenti alla succitata società discografica nasce, come ovvio, dalla sua rilevanza all’interno del mercato nazionale e dal suo essere filiazione italiana di una delle più grandi aziende mondiali legata alla fonoriproduzione, la Gramophone – His Master’s Voice. Un’altra ragione che fa di questa azienda un importante strumento di comprensione del fenomeno, è la sua collocazione cronologica: il suo arco di attività cade, come abbiamo precedentemente detto, tutto all’interno di un periodo che, come vedremo più avanti, è testimone del passaggio da un uso tendenzialmente libero della velocità di rotazione dei supporti discografici alla progressiva affermazione di uno standard attestatosi sui 78 giri al minuto.

La ricerca dei supporti discografici è stata effettuata tramite la maschera di interfaccia dell’opac di Polo SBN dell’ICBSA (http://polodds.dds.it/opac2/DDS/ricercaAvanzata) utilizzando i seguenti parametri:

Ricerca avanzata su Opac:

“Parola chiave”: grammofono

“Supporto”: disco (78 giri)

Esito di tale ricerca è un elenco di 3.057 supporti sonori tra i quali 2.988 appartengono alla “Società Nazionale del Grammofono”; tra questi sono presenti 2.261 documenti dei quali esiste già copia digitale.

Prendendo in esame un campione di 200 documenti tra quelli già digitalizzati (i primi della lista prodotta) si ricavano i seguenti risultati:

– dischi della Società Nazionale del “Grammofono”: 31

– dischi della Società Anonima Nazionale del “Grammofono”: 159

Da questi risultati risulta evidente come l’uso di riportare l’indicazione della velocità di rotazione fosse una pratica assolutamente ordinaria nella produzione discografica della Società Anonima Nazionale del “Grammofono”, e quindi in un’epoca che parte dall’anno 1927, mentre invece risulta essere inusuale nella prima fase della storia di questa società, quella cioè nella quale l’azienda era denominata Società Nazionale del “Grammofono”. Questo cambio di atteggiamento è facilmente comprensibile sulla base del legame che l’azienda, pur nelle sue variazioni di ragione sociale, mantiene con la casa madre inglese, la His Master’s Voice; tale legame, come vedremo tra poco, è stato determinante sia nell’adozione dello standard di registrazione a 78 rpm che in quello di riportare sull’etichetta discografica tale informazione.

Immediatamente evidente nel confronto proposto con le immagini che seguono, anche il modello grafico dell’etichetta adottato dall’azienda italiana (prima come Soc. Nazionale del “Grammofono” poi come Soc. Anonima Nazionale del “Grammofono) ripete, al di là del colore utilizzato in questi esempi che dipende solo dalla Serie discografica, la diversa impostazione adottata dalle coeve etichette inglesi: stessa la distribuzioni degli spazi riservati alle informazioni discografiche con la presenza o meno, nel lato inferiore destro, dell’indicazione di velocità di rotazione.

Dunque, secondo le fonti iconografiche fornite dai supporti discografici della Società Nazionale del “Grammofono”, l’introduzione di uno standard di rotazione e la sua indicazione sull’etichetta dovrebbero divenire una realtà consuetudinaria alla metà degli anni Venti. A confermare tale ipotesi ci vengono in aiuto due importanti testimoni. Il Catalogo Generale “His Master’s Voice” inglese del 1922 riporta a pagina 4, in una sezione dedicata ad illustrare il corretto utilizzo del catalogo, la seguente frase: «78 Revolutions per Minute: “His Master’s Voice” records are made to play at a speed of 78 revolutions per minute, and no departure should be made from this rule unless a special speed is marked after the record in the catalogue. Correct speed governs pitch, tone and tempo, and only by paying close attention to this point can you ensure that you are hearing the actual tones as they were recorded. Turntables should be tested for speed from time to time. This can be done instantly by means of “His Master’s Voice” patented speed tester».[1]

Il coevo catalogo della Società Nazionale del “Grammofono” non riporta le stesse indicazioni che troveremo, invece, molto più succintamente nella sezione “Avvertenze e condizioni di vendita” del catalogo della stessa società nel 1925.


Una seconda fonte è fornita dalla pubblicazione del “His Master’s Voice” Records of Unique and Historical Interest, il Catalogo Storico n.2 dell’azienda inglese The Gramophone Co. Ltd all’interno del quale vengono riportate 428 incisioni discografiche considerate dalla società una importante testimonianza della prima fase di attività. Il catalogo riporta incisioni di importanti voci della lirica, esecuzioni di rinomati interpreti e “voci storiche” di personalità britanniche e internazionali (v. a tal proposito, nella sezione “Materiali” di questa rubrica, lo spazio dedicato al Catalogo Storico n.2). L’interesse che tale catalogo offre agli scopi del nostro studio è dato dall’organizzazione delle informazioni discografiche: ogni incisione viene riportata, oltre che con il titolo e l’interprete, anche con il riferimento all’anno di incisione ed alla velocità di rotazione adottata all’atto di presa del suono.  L’analisi di queste informazioni arriva a confermare il progressivo consolidamento dell’uso dei 78 rpm già dalla seconda metà degli anni Dieci del Novecento per divenire pratica unica entro la metà degli anni Venti. La data di pubblicazione del Catalogo Storico, presente anche all’interno dei cataloghi italiani dal 1925 sotto forma di estratto su pagine colorate, non viene riportata in alcun luogo del volume ma può essere ricavata dalle datazioni contenute all’interno che, partendo dalle più antiche del 1900, arrivano ai discorsi del Principe di Galles incisi nel 1924. La decisione di offrire agli acquirenti tale pubblicazione è come un riconoscimento esplicito che la storia della fonoriproduzione stava entrando, proprio in quegli anni, in una nuova fase della sua vita: saranno, non a caso, proprio di quegli anni l’introduzione dell’incisione elettrica, la diffusione della radio e, di lì a poco, l’introduzione del sonoro nel cinema.

English version

Crediti: articolo a cura di Massimiliano Lopez;

[1] «78 giri al minuto: le incisioni “His Master’s Voice” sono realizzate per essere suonate ad una velocità di 78 giri al minuto e nessuna deroga dovrebbe essere fatta da questa regola a meno che una velocità speciale non sia segnata dopo il riferimento al disco nel catalogo. La corretta velocità determina l’intonazione, il tono e il tempo, e solo prestando molta attenzione a questo punto puoi assicurarti di sentire questi elementi come erano effettivamente mentre venivano registrati.

Redazione: Bianca Maria Zaccheo, Antonella Bocca

Immagini ICBSA

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search