#PolifoniaH2020. Campane storiche nel Catalogo dei Beni Culturali Italiani

Lo sapevi che nel patrimonio dell’Istituto Centrale per i beni sonori ed audiovisivi si possono trovare alcuni documenti storici pubblicati dalla RCA Records sul suono delle campane di alcune delle maggiori Basiliche e Chiese romane?

San Pietro e il Vaticano -Disco sonoro 33 giri

Il patrimonio campanario è un bene complesso fatto di conoscenze e di tradizioni centenarie di territori specifici ed è costituito da componenti materiali e immateriali che contribuiscono alla formazione di quello che è un vero e proprio strumento musicale.

Si tramanda la notizia che l’ invenzione della campana, come oggetto utilizzato in ambito ecclesiastico, sia stata attribuita a Ponzio Anicio Meropio Paolino, Vescovo della città di Nola, originario della Aquitania, venerato dalla Chiesa cattolica come santo. Purtroppo, come tante memorie tramandate attraverso le generazioni, non vi è alcun documento che ne attesti la veridicità.

Chiara Veniata ed Elena Musumeci dell’ICCD (partner di ICBSA nel progetto #PolifoniaH2020 per il Ministero della Cultura) hanno pubblicato un interessante articolo nel Catalogo Generale dei Beni Culturali che descrive alcune curiosità sulle campane tra cui l’origine del nome e alcune caratteristiche di fabbricazione. Leggi l’articolo.

Crediti: testo a cura di Bianca Maria Zaccheo; Immagine campana: campanarigubbio.it; Immagine etichetta disco: ICBSA

#PolifoniaH2020. Video Intervista n.2

E’ uscita la videointervista #2 di Polifonia: Alla scoperta di connessioni nascoste nel patrimonio musicale .

Sono stati intervistati nel secondo episodio: Andrea Scharnorst, coordinatore scientifico, Computational Humanities e-Humanities Group Royal Netherlands Academy of Arts and Sciences, Philippe Rigaux, professore in Informatica al CNAM; Andrea Poltronieri, Delphina Sol Martinez Pandiani e Valentina Presutti, Università di Bologna; Albert Meroño Peñuela, Vrije Universiteit Amsterdam; Christofe Guillotel-Nothmann, CNRS – Institut de Recherche en Musicologie (IReMus); Philo van Kemenade, Netherland Institute for sound and vision.

Gli esperti hanno descritto il grafico della conoscenza di Polifonia e in che modo il progetto scoprirà connessioni invisibili, o poco conosciute, nella storia della musica europea. Il progetto Polifonia sta sviluppando uno strumento unico per accedere ed esplorare l’affascinante patrimonio della musica europea, creando collegamenti con tipologie differenti di fonti tra cui media, spartiti musicali e testi storici attraverso l’automazione e le tecniche di intelligenza artificiale.

Guarda la video intervista #2 di Polifonia per ulteriori approfondimenti sugli obiettivi del progetto e unisciti al canale YouTube di Polifonia per ulteriori aggiornamenti!

Crediti: testo a cura di Bianca Maria Zaccheo; Massimiliano Lopez e Antonella Bocca, redazione; Immagini PolifoniaH2020

Polifonia Project_EU al Festival AI & Music

Valentina Presutti ha presentato per la prima volta la demo e la ricerca di Polifonia al nuovo festival AI & Music organizzato da Sonar Barcelona . All’evento hanno partecipato appassionati di musica e tecnologia sia online che nella splendida sede del Centre de Cultura Contemporània de Barcelona . Per cominciare, sono stati introdotti i grandi set di dati utilizzati in Polifonia e la grande quantità di domande che attivano. Poi è stato svelato al pubblico il Polifonia Knowledge Graph (KG). La Polifonia KG scopre i tesori nascosti del patrimonio musicale contenuti nei cataloghi e molte altre fonti collegando questi diversi dati e set di dati. Apre molte porte.  

Dopo la ricerca, Valentina Presutti ha mostrato le prime due demo dell’applicazione Polifonia. Il primo riguarda la somiglianza dei testi e la somiglianza armonica, due modi per trovare somiglianze tra canzoni ariose, la maggior parte delle quali appartenenti a tempi e paesi diversi. La seconda demo riguardava gli agenti di raccomandazione musicale di Polifonia: come Polifonia autorizza i suoi utenti a definire da soli i criteri per la raccomandazione di musica. Questo è abbastanza unico poiché i programmi di streaming musicale comuni si basano su selezioni musicali automatizzate. Non perderti l’emozionante demo di Polifonia e le scintille musicali, puoi guardare l’intervento qui . 

English Version

Credits: by PolifoniaH2020; Bianca Maria Zaccheo e Massimiliano Lopez; Antonella Bocca, editorial staff; image PolifoniaH2020

#CrAL Teacher Handbook

The work of the seven partners from six countries (Belgium, Italy, Spain, Greece, Croatia and Lithuania) for the CrAL – Creative Audiovisual Lab, aimed at promoting critical thinking and literacy, continues.

The partners are working to produce a teacher handbook listing the different stages of the creative process, from its beginning to its completion, including practical exercises to be given to the students.

The method introduces a first approach concerning the fundamental dynamics of the visual and representational process that can be decontextualised from those common logical connections that permeate rational thought and written and spoken verbal communication.

The methodology shows us the existence of an active literacy of “moving images” that influences our way of thinking and seeing reality.

This language has different characteristics from verbal thinking and articulated language.

The process develops a reflection linked to the way and choice of framing and narrating a given situation and above all stimulates a strong aptitude for “external” observation of the images produced or to be produced.

The observation leads the subject to separate from a direct and unconscious involvement and to enter in relation with the visual production, with time and movements.

In summary, the aim of this phase will be to

– Become aware of one’s own reactions to external stimuli

– Understand what a representational action is

– Define the concept of image

– Understand the importance of point of view

– Understand the importance of conflict as a fundamental element of narrative

– Understanding the language of images

– To understand the process of reproduction of reality through the language of cinema.

The manual will also include some exercises in which the teacher can suggest how to collect personal notebooks, diaries and agendas in which to write down ideas, thoughts, plans and above all to begin to observe the proportions between written text and graphic elements, the possibility of choosing one approach or the other, and above all to begin to understand the relationship between representational and written content.

Stay connected on https://www.cral-lab.eu/

@AllDigitalEU @ICBSAItalia @eginasrl @uabbarcelona @DAISSyResearchGroup @ctkri @langasiateiti @creativeaudiovisuallab 

Credits: by Bianca Maria Zaccheo

*** Translated with www.DeepL.com/Translator (free version) ***

Italian Version

Credits: by Bianca Maria Zaccheo

#CrALProject. Expert group on tackling disinformation and promoting digital literacy in education

Did you know that #CrALProject participates in a European Commission expert panel on tackling #disinformation and promoting #digitalliteracy in #education?  The #CrALProject aims at enhancing the critical and creative thinking of young people by teaching them to create original stories using the language of moving images.

The group met twice in 2021 to discuss the following topics:

1. critical thinking

2. teacher training and education

3. pre-bunking, debunking and fact checking

4. student involvement

5. community approach and pedagogy

The 2022 Meetings main task of the group will assist the Commission in preparing common guidelines for teachers and educators to address and promote digital literacy through education and training.

The expert group will examine existing practices and approaches in the EU and internationally and at all levels of education, including both formal and nonformal education settings. The Expert Group’s mandate will run through September 2022, and the group is expected to produce two main outputs. The first is a report that focuses on key issues related to combating misinformation and digital literacy in education. This report comes at an early stage (March 2022) and is intended to feed into the main expected outcome – guidelines for teachers and educators – due in September 2022.

The ICBSA contributes to the project through the experience gained over the years through participation in the projects of alternation school work of the MIUR and training and orientation aimed at universities and schools of second degree realizing projects even during the lock-down as the video made by Benedetta Antonelli III C Torquato Tasso High School in Rome within the school work experience Creative Audiovisual LAB of the Central Institute for Sound and Audiovisual Heritage (MIC) edited by Annio Gioacchino Stasi.

@AnnioGioacchinoStasi during his stay at the Ministry for Cultural Heritage has made available his experience as a screenwriter within the projects aimed at students, creating a “conscious” approach to digital devices used daily by pupils and students.

This experience will contribute directly to Action 7 of the Action Plan for Digital Education 2021-2027 through the sharing with the project partners of the practices and guidelines used during the projects of Alternating School Work and Apprenticeships and orientation such as the video made the Central Institute for Sound and Audiovisual Heritage by the students of the training course for Crossmedial Technician funded by the Lazio Region.

Credits: by  Bianca Maria Zaccheo

Translated with www.DeepL.com/Translator (free version)

#CrALProject Gruppo di esperti sulla lotta alla disinformazione e sulla promozione dell’alfabetizzazione digitale attraverso l’istruzione e la formazione

Lo sapevi che #CrALProject partecipa ad un gruppo di esperti della European Commissionper  sull’affrontare la #disinformazione e promuovere l’#alfabetizzazionedigitale nell’#istruzione.

Il #progettoCrAL ha come obiettivo la valorizzazione del pensiero critico e creativo dei giovani insegnando loro a creare storie originali utilizzando il linguaggio delle immagini in movimento.

Il gruppo si è riunito due volte nel 2021 per discutere i seguenti argomenti:

  1. pensiero critico
  2. formazione e istruzione degli insegnanti
  3. pre-bunking, debunking e fact checking
  4. coinvolgimento degli studenti
  5. approccio comunitario e pedagogia

Gli Incontri del 2022 il compito principale del gruppo assisterà la Commissione nella preparazione di linee guida comuni per insegnanti ed educatori per affrontare e promuovere l’alfabetizzazione digitale attraverso l’istruzione e la formazione.

Il gruppo di esperti esaminerà le pratiche e gli approcci esistenti nell’UE, a livello internazionale e a tutti i livelli di istruzione, compresi i contesti di istruzione sia formale che non formale. Il mandato del gruppo di esperti durerà fino a settembre 2022 e si prevede che il gruppo produrrà due risultati principali. Il primo è un rapporto che si concentra sulle questioni chiave relative alla lotta alla disinformazione e all’alfabetizzazione digitale nell’istruzione. Questo rapporto arriva in una fase iniziale (marzo 2022) e intende alimentare il principale risultato atteso – le linee guida per insegnanti ed educatori – previste per settembre 2022.

L’ICBSA contribuisce al progetto attraverso l’esperienza maturata negli anni con la partecipazione ai progetti di alternanza scuola lavoro del MIUR e tirocini formativi e di orientamento rivolti alle Università e agli Istituti Scolastici di secondo grado realizzando progetti, anche durante il lock-down, come il video realizzato da Benedetta Antonelli III C liceo Torquato Tasso di Roma nell’ambito dell’Alternanza Scuola Lavoro Creative Audiovisual LAB dell’Istituto Centrale per i Beni Sonori ed Audiovisivi (MIC) a cura di Annio Gioacchino Stasi.

@AnnioGioacchinoStasi nel corso della sua permanenza al Ministero per i beni culturali ha messo a disposizione la sua esperienza di sceneggiatore all’interno dei progetti rivolti agli studenti, creando un approccio “consapevole” ai dispositivi digitali quotidianamente utilizzati da alunni e studenti.

Questa esperienza contribuirà direttamente all’Azione 7 del Piano d’azione per l’educazione digitale 2021-2027 attraverso la condivisione con i partner del progetto delle pratiche e delle linee guida utilizzate durante i progetti di Alternanza Scuola Lavoro e Tirocini formativi e di orientamento, come ad esempio, il video realizzato per l’Istituto Centrale per i Beni Sonori ed Audiovisivi dagli allievi del corso di formazione per Tecnico Crossmediale finanziato dalla Regione Lazio

Crediti: a cura di Bianca Maria Zaccheo

Progetto CrAL-EU La metodologia per lo sviluppo di laboratori audiovisivi creativi è pronta

L’obiettivo del progetto è migliorare il pensiero critico e l’alfabetizzazione mediatica tra i giovani tra i 14 ei 19 anni, i genitori e il personale educativo. Ciò contribuirà a fornire ai giovani gli strumenti di cui hanno bisogno per comprendere il mondo in cui vivono, stimolare il loro pensiero critico e il senso di responsabilità e aiutarli a realizzare il potere della loro voce.
Il progetto applicherà e amplierà la buona pratica italiana “Scrittura e lettura audiovisiva creativa”, a cinque diversi sistemi e contesti educativi: Croazia, Grecia, Italia, Lituania e Spagna.
In primo luogo, i partner adatteranno la buona pratica “Scrittura e lettura audiovisiva creativa” ai loro contesti e progetteranno il modello per la creazione di Creative Auidovisual Labs.
In secondo luogo, formeranno educatori (insegnanti e formatori) per implementare i Creative Audiovisual Labs. Ciò avverrà attraverso un corso misto composto da 10 moduli che coprono competenze tecniche, digitali e creative.
Infine, insegnanti e formatori formati creeranno laboratori audiovisivi creativi e lavoreranno con i loro studenti. Gli studenti produrranno film su argomenti selezionati come la migrazione, la tolleranza e altri argomenti che sono interessanti per loro e importanti nella società di oggi. Il progetto applicherà e amplierà la buona pratica italiana “Scrittura e lettura audiovisiva creativa”, a cinque diversi sistemi e contesti educativi: Croazia, Grecia, Italia, Lituania e Spagna. I partner del progetto Cr eative Un udiovisual L ab per la promozione del pensiero critico e l’alfabetizzazione mediatica – CrAL – si sono riuniti a giugno per segnare i primi sei mesi del progetto. Questa prima fase è stata molto intensa – i partner EGInA e ICBSA hanno lavorato al documento didattico – la metodologia contenente tutte le conoscenze relative ai laboratori audiovisivi, che sono state raccolte dagli esperti e dagli educatori dietro questo approccio innovativo.  Questo documento sarà il nostro punto di partenza e la base per il programma di formazione che formerà gli insegnanti di 6 paesi (@AllDigitalEU @ICBSAItalia @eginasrl @uabbarcelona @DAISSyResearchGroup @ctkri @langasiateiti) per sviluppare attività educative con i loro studenti. Il corso per gli insegnanti sarà molto innovativo. Sarà un video-corso. Sebbene si tratti di un solido background teorico alla base dell’approccio, elaborato in dettaglio nel documento didattico, la formazione degli insegnanti non li caricherà solo di teoria. I principali materiali didattici saranno invece le video lezioni, che presenteranno ai docenti le vere lezioni svolte con gli studenti in Italia. Nelle parole di Annio Gioacchino Stasi, il corso di formazione sarà un racconto sul pensiero critico e lo sviluppo visivo dei giovani. Questa storia sarà composta da quattro racconti – quattro parti che forniranno agli insegnanti le conoscenze per guidare i loro studenti a creare una storia originale usando il linguaggio delle immagini in movimento. I docenti e gli studenti che hanno partecipato alla ricerca e allo sviluppo della metodologia in tanti anni di lavoro, durante i quali gli studenti hanno iniziato a pensare per immagini. Nelle video lezioni si potrà vedere come i giovani stanno cambiando il loro modo di usare la macchina fotografica e il cellulare per sviluppare il loro rapporto con se stessi, i loro compagni di classe, i loro insegnanti e il mondo che li circonda. Entro la fine dell’anno gli impegni saranno molteplici: pur continuando a sviluppare il corso video, i partner iniziano anche a lavorare sulla piattaforma tecnica in cui si svolgerà. Per seguire gli attuali sviluppi del progetto, restate sintonizzati sul sito web del progetto www.cral-lab.eu e cercate il nostro hashtag sui social media #CrALProject, oppure seguite gli sviluppi sulla nostra pagina istituzionale http://www.icbsa.it/index.php?it/970/progetto-europeo-cral-erasmus

English Version

Facebook pages:
P1 AD: @AllDigitalEU
P2 ICBSA: @ICBSAItalia
P3 EGINA: @eginasrl
P4 UAB: @uabbarcelona
P5 HOU: @DAISSyResearchGroup
P6 CTC: @ctkri
P7: LIA: @langasiateiti

a cura di Bianca Maria Zaccheo

Polifonia. Playing the soundtrack of our history – Polifonia. Suonare la colonna sonora della nostra storia

The Istituto Centrale per i beni sonori ed audiovisivo participates in the new project investigating Europe’s musical heritage H2020 EU for Research and Innovation Budget: 3M€ – Duration: 40 months – 10 EU partners First plenary meeting: 14 January 2021 www.polifonia-project.eu Polifonia, the new 3M€ project funded by the Horizon 2020 European Framework program, will run over the next 40 months with the aim of recreating the connections between music, people, places and events from the 16th century to the present day. The results, which will be public and available via the web in the form of a global and interconnected dataset, will make a fundamental contribution to improving the understanding of Europe’s musical heritage. “Polifonia will develop artificial intelligence tools that will allow us to navigate through an incredible amount of multilingual sounds and texts,” explains Valentina Presutti, coordinator of the Polifonia project and Professor of Computer Science at the University of Bologna, “to understand how music has changed and how it has reacted to the social and political context over the last six centuries.” Polifonia, a project with the aim of recreating the connections between music, people, places and events from the sixteenth century until today, providing a fundamental contribution to the improvement of the understanding of the European musical heritage. Polifonia aims to improve the understanding of the evolution of musical genres, their diffusion in time and space, and the existing relationships between music and society, such as the soundtracks of revolutions, emancipation movements, wars or even pandemics. The music industry, for example, will finally have the possibility to fully exploit its enormous catalog: unexpected connections between apparently distant musics will reveal new methods of classification in addition to the usual labels (genre, artist, year). Through the Polifonia project will be created a portal accessible to all that will allow to reveal phenomena of musical connection in a systematic way between different cultural contexts of different realities.


*** Translated with www.DeepL.com/Translator (free version) ***

L’Istituto Centrale per i beni sonori ed audiovisivo partecipa al nuovo progetto che indaga sul patrimonio musicale Europeo H2020 EU per la Ricerca e l’Innovazione Budget: 3M€ – Durata: 40 mesi – 10 partners EU Prima riunione plenaria: 14 gennaio 2021 www.polifonia-project.eu Polifonia, il nuovo progetto da 3M€ finanziato dal programma Quadro Europeo Horizon 2020, si svilupperà durante i prossimi 40 mesi con lo scopo di ricreare le connessioni tra musica, persone, luoghi ed eventi dal XVI secolo fino ad oggi. I risultati, che saranno pubblici e disponibili via web sotto forma di un dataset globale e interconnesso, forniranno un contributo fondamentale al miglioramento della comprensione del patrimonio musicale europeo. “Polifonia svilupperà strumenti di intelligenza artificiale che permetteranno di navigare attraverso un’incredibile mole di suoni e testi plurilingue”, spiega Valentina Presutti, coordinatrice del progetto Polifonia e Professoressa di Computer Science presso l’Università di Bologna, “per capire come la musica è cambiata e come ha reagito al contesto sociale e politico negli ultimi sei secoli”. Polifonia, un progetto con lo scopo di ricreare le connessioni tra musica, persone, luoghi ed eventi dal XVI secolo fino ad oggi, fornendo un contributo fondamentale al miglioramento della comprensione del patrimonio musicale europeo. Polifonia si propone di migliorare la comprensione dell’evoluzione dei generi musicali, la loro diffusione nel tempo e nello spazio e le relazioni esistenti tra musica e società, come le colonne sonore delle rivoluzioni, dei movimenti di emancipazione, delle guerre o addirittura delle pandemie. L’industria musicale, per citarne una, avrà finalmente la possibilità di sfruttare appieno il proprio enorme catalogo: collegamenti inaspettati tra musiche apparentemente lontane potranno rivelare nuovi metodi di classificazione in aggiunta alle usuali etichette (genere, artista, anno). Attraverso il progetto Polifonia verrà creato un portale accessibile a tutti che permetterà di svelare fenomeni di connessione musicale in modo sistematico tra differenti contesti culturali di diverse realtà. https://polifonia-project.eu/

#polifonia #H2020 #polifoniah2020live #icbsaitalia #polifonia_project_eu #iccd

Crediti: Bianca Maria Zaccheo, redattore

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search