Caruso nel centenario della morte. Il fondo ICBSA

In occasione del centenario della morte del tenore Enrico Caruso, l’Istituto Centrale per i beni sonori ed audiovisivi (ICBSA) ha ideato un progetto dedicato al ruolo del grande tenore nella storia della cultura musicale del nostro Paese…e non solo. Scopo del progetto è quello di valorizzare e promuovere la conoscenza del fondo posseduto dall’ICBSA, contenente registrazioni musicali del grande interprete.

Il Progetto

La complessa personalità, la particolare vicenda personale ed artistica sono oggetto di studio, partendo dal rigoroso sguardo storico- scientifico a quello divulgativo ed aneddotico. Il progetto prende spunto dal primo fenomeno di divismo canoro legato alla nascita dell’industria culturale basata sulla produzione industriale e la diffusione mondiale del disco: Caruso è appartenuto a quella generazione di interpreti che ci hanno tramandato per primi il suono della propria voce grazie alla innovativa invenzione dell’epoca: la fonoriproduzione.

Massimiliano Lopez, Luciano D’Aleo e Corinna Ranzi dell’ICBSA con la collaborazione di Gerardo Casiello, Michele Melidoni e Giulio Tosti stanno analizzando e studiando il Fondo, curandone un aspetto particolarmente apprezzato dagli estimatori: l’Intervento di ricostruzione della corretta velocità di registrazione dei supporti storici.

L’elaborazione dei dati ed il recupero, attraverso l’utilizzo di software idonei e dei dati ricavati dallo studio delle fonti documentali e repertoriali, restituirà una nuova e più realistica sonorità della voce del cantante.

In questa ottica si è sviluppata, inoltre, la collaborazione con il Museo Enrico Caruso a Lastra a Signa, Firenze. I tecnici dell’ICBSA, si sono recati ospiti presso la suggestiva cornice di Villa Caruso dove hanno potuto visionare e digitalizzare alcuni rari brani su 78g patrimonio del Museo. 

Le fasi del progetto:

  • Digitalizzazione integrale dei supporti sonori
  • Studio ed analisi del fondo
  • Intervento di ricostruzione della corretta velocità di registrazione dei supporti storici
  • Pubblicazione e diffusione dei risultati del progetto

La Consistenza del fondo ICBSA

Supporti sonori   tot. n. 283
Dischi a 78gg:  n.162
Cilindri fonografici: n. 2 (Pathé)
Dischi a 33gg:   n. 58
Dischi a 45gg:   n.  9
Musicassette:    n. 4
Compact Disc:   n. 48  
Altro
Locandine pubblicitarie della Società Nazionale del Grammofono: n. 4
Quadro (autoritratto): n. 1
Immagini e dati tratti dai cataloghi discografici storici.  
a cura di Massimiliano Lopez
Redattore: Bianca Maria Zaccheo

English Version

Caruso in the centenary of his death. The ICBSA archival collection
On the occasion of the centenary of the death of the tenor Enrico Caruso, the Istituto Centrale per i beni sonori ed audiovisivi (ICBSA) has conceived a project dedicated to the role of the great tenor in the history of the musical culture of our country… and not only. The purpose of the project is to enhance and promote the knowledge of the fund owned by ICBSA, containing musical recordings of the great performer.

The Project
The complex personality, the particular personal and artistic events are the object of study, starting from the rigorous historical-scientific view to the popular and anecdotal one. The project takes its cue from the first phenomenon of singing stardom linked to the birth of the cultural industry based on industrial production and the worldwide diffusion of records: Caruso belonged to that generation of performers who were the first to hand down the sound of their own voice thanks to the innovative invention of the time: phono-reproduction.

Massimiliano Lopez, Luciano D’Aleo and Corinna Ranzi of ICBSA with the collaboration of Gerardo Casiello, Michele Melidoni and Giulio Tosti are analyzing and studying the Fund, taking care of an aspect of it particularly appreciated by its admirers: the reconstruction of the correct recording speed of the historical supports.

The elaboration of the data and the recovery, through the use of suitable software and of the data obtained from the study of the documentary and repertorial sources, will give back a new and more realistic sound of the singer’s voice.

In this perspective, the collaboration with the Enrico Caruso Museum in Lastra a Signa, Florence, has been developed. ICBSA’s technicians went to the suggestive setting of Villa Caruso where they were able to view and digitize some rare 78g tracks, heritage of the Museum.

The phases of the project
Integral digitization of the sound carriers
Study and analysis of the fund
Reconstruction of the correct recording speed of the historical supports
Publication and dissemination of the results of the project
ICBSA Fund Holdings

Supporti sonori   tot. n. 283
Dischi a 78gg:  n.162
Cilindri fonografici: n. 2 (Pathé)
Dischi a 33gg:   n. 58
Dischi a 45gg:   n.  9
Musicassette:    n. 4
Compact Disc:   n. 48  
Altro
Locandine pubblicitarie della Società Nazionale del Grammofono: n. 4
Quadro (autoritratto): n. 1
Immagini e dati tratti dai cataloghi discografici storici.  
a cura di Massimiliano Lopez
Redattore: Bianca Maria Zaccheo

Translated with www.DeepL.com/Translator (free version)

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search