#PolifoniaH2020. Campane storiche nel Catalogo dei Beni Culturali Italiani

Lo sapevi che nel patrimonio dell’Istituto Centrale per i beni sonori ed audiovisivi si possono trovare alcuni documenti storici pubblicati dalla RCA Records sul suono delle campane di alcune delle maggiori Basiliche e Chiese romane?

San Pietro e il Vaticano -Disco sonoro 33 giri

Il patrimonio campanario è un bene complesso fatto di conoscenze e di tradizioni centenarie di territori specifici ed è costituito da componenti materiali e immateriali che contribuiscono alla formazione di quello che è un vero e proprio strumento musicale.

Si tramanda la notizia che l’ invenzione della campana, come oggetto utilizzato in ambito ecclesiastico, sia stata attribuita a Ponzio Anicio Meropio Paolino, Vescovo della città di Nola, originario della Aquitania, venerato dalla Chiesa cattolica come santo. Purtroppo, come tante memorie tramandate attraverso le generazioni, non vi è alcun documento che ne attesti la veridicità.

Chiara Veniata ed Elena Musumeci dell’ICCD (partner di ICBSA nel progetto #PolifoniaH2020 per il Ministero della Cultura) hanno pubblicato un interessante articolo nel Catalogo Generale dei Beni Culturali che descrive alcune curiosità sulle campane tra cui l’origine del nome e alcune caratteristiche di fabbricazione. Leggi l’articolo.

Crediti: testo a cura di Bianca Maria Zaccheo; Immagine campana: campanarigubbio.it; Immagine etichetta disco: ICBSA

#PolifoniaH2020. Video Intervista n.2

E’ uscita la videointervista #2 di Polifonia: Alla scoperta di connessioni nascoste nel patrimonio musicale .

Sono stati intervistati nel secondo episodio: Andrea Scharnorst, coordinatore scientifico, Computational Humanities e-Humanities Group Royal Netherlands Academy of Arts and Sciences, Philippe Rigaux, professore in Informatica al CNAM; Andrea Poltronieri, Delphina Sol Martinez Pandiani e Valentina Presutti, Università di Bologna; Albert Meroño Peñuela, Vrije Universiteit Amsterdam; Christofe Guillotel-Nothmann, CNRS – Institut de Recherche en Musicologie (IReMus); Philo van Kemenade, Netherland Institute for sound and vision.

Gli esperti hanno descritto il grafico della conoscenza di Polifonia e in che modo il progetto scoprirà connessioni invisibili, o poco conosciute, nella storia della musica europea. Il progetto Polifonia sta sviluppando uno strumento unico per accedere ed esplorare l’affascinante patrimonio della musica europea, creando collegamenti con tipologie differenti di fonti tra cui media, spartiti musicali e testi storici attraverso l’automazione e le tecniche di intelligenza artificiale.

Guarda la video intervista #2 di Polifonia per ulteriori approfondimenti sugli obiettivi del progetto e unisciti al canale YouTube di Polifonia per ulteriori aggiornamenti!

Crediti: testo a cura di Bianca Maria Zaccheo; Massimiliano Lopez e Antonella Bocca, redazione; Immagini PolifoniaH2020

Polifonia Project_EU al Festival AI & Music

Valentina Presutti ha presentato per la prima volta la demo e la ricerca di Polifonia al nuovo festival AI & Music organizzato da Sonar Barcelona . All’evento hanno partecipato appassionati di musica e tecnologia sia online che nella splendida sede del Centre de Cultura Contemporània de Barcelona . Per cominciare, sono stati introdotti i grandi set di dati utilizzati in Polifonia e la grande quantità di domande che attivano. Poi è stato svelato al pubblico il Polifonia Knowledge Graph (KG). La Polifonia KG scopre i tesori nascosti del patrimonio musicale contenuti nei cataloghi e molte altre fonti collegando questi diversi dati e set di dati. Apre molte porte.  

Dopo la ricerca, Valentina Presutti ha mostrato le prime due demo dell’applicazione Polifonia. Il primo riguarda la somiglianza dei testi e la somiglianza armonica, due modi per trovare somiglianze tra canzoni ariose, la maggior parte delle quali appartenenti a tempi e paesi diversi. La seconda demo riguardava gli agenti di raccomandazione musicale di Polifonia: come Polifonia autorizza i suoi utenti a definire da soli i criteri per la raccomandazione di musica. Questo è abbastanza unico poiché i programmi di streaming musicale comuni si basano su selezioni musicali automatizzate. Non perderti l’emozionante demo di Polifonia e le scintille musicali, puoi guardare l’intervento qui . 

English Version

Credits: by PolifoniaH2020; Bianca Maria Zaccheo e Massimiliano Lopez; Antonella Bocca, editorial staff; image PolifoniaH2020

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search