L’indicazione della velocità di rotazione sulle etichette dei dischi Soc. Nazionale del “Grammofono” presenti nell’archivio ICBSA. (parte seconda)

Per concludere questa breve riflessione su un aspetto tecnologico della storia della riproduzione che dovrebbe contribuire ad una corretta conservazione dei fondi discografici storici negli archivi preposti, torniamo rapidamente all’analisi dei documenti ICBSA dai quali abbiamo avviato tutto il discorso.

Abbiamo rilevato come la presenza o meno dell’indicazione di velocità di rotazione, nel caso della Società Nazionale del “Grammofono”, sembri coincidere con le sue due fasi storiche di vita. Alcune sporadiche testimonianze della prima fase sembrano però rappresentare delle eccezioni alla tendenza generale riscontrata. In soli quattro casi, tra i duecento esaminati, le etichette discografiche portano stampigliato sul lato destro la velocità di rotazione. Tale anomalia può dipendere da vari fattori tra i quali il primo e più significativo è il dato cronologico: è del tutto verosimile che l’azienda, come consociata italiana della Gramophone inglese, abbia deciso di adottare le variazioni tipografiche intercorse dopo il 1922 con l’adozione esplicita dello standard dei 78 rpm (cambio di organizzazione grafica dell’etichetta, introduzione delle nuove Serie rappresentate da lettere maiuscole seguite da un numero, ecc.). Ancora, la pubblicazione del Catalogo Storico n.2 avvalora la necessità di una nuova “serie” nella quale il dato sulla velocità è imprescindibile.

Le immagini riportate sotto appartengono ad ambedue i casi ora descritti: il disco “Grammofono” DB 978 contenente la Sonata al chiaro di luna eseguita da Harold Bauer risente della nuova impostazione grafica di etichetta che prevede la scomparsa delle vecchie partizioni nella parte bassa, l’introduzione del nuovo numero di serie (è ancora presente, anche se fra parentesi e a sinistra, il vecchio numero editoriale dell’edizione inglese: 05938) e l’aggiunta dell’indicazione di velocità di rotazione; il disco “Grammofono” DB 129, contenente due interpretazioni di Enrico Caruso, appartiene invece a quel gruppo di incisioni raggruppate all’interno del Catalogo Storico n.2 pubblicato nel 1925 come risulta chiaramente dall’iscrizione posta ad arco tra DISCO “GRAMMOFONO” ed il logo: «Questo disco figura nel catalogo no.2 che contiene dischi di speciale interesse storico non compresi nel catalogo generale».

In quest’ultimo disco è interessante notare che esiste una contraddizione tra le indicazioni offerte nelle due facciate del disco ed il Catalogo Storico: il lato contenente l’aria Spirto gentil tratta da “La Favorita” è coerentemente riportata a 78 rpm sia sull’etichetta che sul catalogo; la romanza di Francesco Paolo Tosti Ideale risulta invece incisa, secondo il catalogo, a 80 rpm mentre l’etichetta ha stampigliato “Giri 78”

Disco etichetta rossa della Soc. Naz. del Grammofono” DB 129 (lato b).
La velocità di rotazione a 78 giri non corrisponde a quella originale di 80 rpm adottata nell’incisione fatta da Enrico Caruso nel 1906 e riportata nel Catalogo Storico
(ICBSA 7377)

Per concludere questa breve disamina sulla pratica di riportare la velocità di rotazione insieme alle informazioni discografiche, sarà opportuno ricordare che tale consuetudine è è presente all’interno dei cataloghi della Gramophone – His Master’s Voice fin dal 1907, posizionando l’informazione alla fine della scheda descrittiva del disco:

Questa prassi, che risulta normalmente utilizzata per le produzioni ordinarie, è impiegata anche, e forse ancor più, per i “Celebrity Records”:

Qualunque possa dunque essere stata la ragione che spingeva la società discografica ad adottare, in fase di registrazione, una velocità al posto di un’altra (rapporto tra spazio fisico del disco e contenuto sonoro da inserire, larghezza dei solchi e qualità sonora, ecc.) una cosa è certa: la libertà di utilizzo di tale velocità, che trovava un corrispettivo nei meccanismi di flessibilità che le macchine riproduttrici avevano nella scelta di quale adottare, non faceva mai venir meno le ragioni della fedeltà sonora, fattore di prestigio per l’azienda discografica testimoniato proprio dalla presenza sui cataloghi del suggerimento all’utenza sull’utilizzo corretto in fase di ascolto.

CREDITI: Testo a cura di Massimiliano Lopez; REDAZIONE: Bianca Maria Zaccheo, Antonella Bocca

Immagini dei cataloghi discografici tratte dalla rete.

English version

La velocità di rotazione nei supporti discografici storici

I contribuiti che costituiscono il corredo di questo spazio curato dall’Ufficio Valorizzazione, Studi e Ricerche dell’Istituto Centrale per i Beni Sonori ed Audiovisivi, si rivolgono a tutti coloro che, per funzioni professionali, interessi di studio o passione personale gravitano attorno al mondo dei supporti audiovisivi e delle sue macchine di riproduzione, agli archivi ed alle collezioni di tali oggetti che hanno segnato profondamente la vita della società umana a partire dagli ultimi due decenni del XIX secolo.

Apriamo questo spazio con un tema approfondito nell’ultimo anno: la velocità di rotazione del supporto discografico.

Normalmente espressa in “giri” al minuto (da cui la denominazione, ad esempio, dei vari supporti discografici quali 78 giri, 45 giri e 33 giri) o, con la dizione anglosassone, in “rpm” (revolutions per minute), la velocità di rotazione rappresenta una delle caratteristiche tecniche che permette la corretta fruizione del contenuto dei vari supporti sonori.

Semplificando, potremmo dire che per arrivare a cogliere correttamente l’autenticità di fonte sonora che cilindri e dischi possono offrirci, non possiamo trascurare questo parametro tecnico che, almeno fino agli anni del primo conflitto mondiale è lontano dal conoscere una standardizzazione internazionale che ne garantisce un ascolto che non tenga conto dell’epoca e del luogo di produzione.

Gli interventi che sono offerti in questa rubrica si riferiscono tutti al mondo del disco fonografico. La sua storia, come ben noto, potrebbe per semplicità dividersi in due grandi archi cronologici ciascuno dei quali caratterizzato dal “dominio” di una delle due rotazioni prevalenti: 78 giri (o più correttamente 78,26) per il disco nel suo periodo delle origini, identificato questo dagli anni Novanta dell’Ottocento fino agli inizi degli anni Cinquanta del XX secolo, e 33 giri (o per la precisione 33 giri ed un terzo) dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, con la sua introduzione da parte della Columbia nel 1948, alla scomparsa, sappiamo ora momentanea, del disco a tutto vantaggio dei competitivi supporti digitali. La vicenda del 45 giri rappresenta più una variante che potremmo definire “editoriale” del Long Playing (dovuta alla conquista del mercato giovanile da parte del mondo discografico in concomitanza con lo sviluppo dell’industria culturale di massa) piuttosto che un terzo polo di questa storia, visto che ambedue questi supporti si basano sull’utilizzo del “microsolco”, straordinaria innovazione tecnologica che ha smisuratamente aumentato la portata del contenuto sonoro dell’oggetto fonografico, e l’impiego di un innovativo materiale costitutivo del disco, il “vinile”, sostanza che andava a sostituire la prevalente gomma lacca e gli altri materiali con i quali erano stati fabbricati i dischi del periodo precedente.

Ma la storia, specialmente, nei suoi primi venti anni, è decisamente più articolata: da qui il nostro desiderio di offrire questi strumenti di riflessione.

CREDITI: a cura di Massimiliano Lopez (Ufficio Valorizzazione, Studi e Ricerche ICBSA).

REDAZIONE: Bianca Maria Zaccheo, Antonella Bocca

ENGLISH VERSION

The contributions that make up this space curated by the Ufficio Valorizzazione, Studi, Ricerche of the Istituto Centrale per i Beni Sonori ed Audiovisivi, are addressed to all those who, for professional functions, study interests or personal passion, gravitate around the world audiovisual media and its reproduction machines, archives and collections of these objects that have profoundly marked the life of human society since the last two decades of the 19th century.

The rotation speed of the recording medium, normally expressed in “revolutions” per minute (hence the name, for example, of the various recording media such as 78 rpm, 45 rpm and 33 rpm) or, with the Anglo-Saxon phrase, in “rpm” (revolutions per minute) represents one of the technical characteristics that allows the correct use of the content of the various sound supports.

Simplifying, we could say that in order to correctly grasp the authenticity of sound source that cylinders and discs can offer us, we cannot neglect this technical parameter which, at least until the years of the First World War, is far from knowing an international standardization that guarantees listening that does not take into account the time and place of production.

The interventions that are offered in this section all refer to the world of the phonograph record. Its history, as well known, could for simplicity be divided into two large chronological arches, each of which characterized by the “dominance” of one of the two prevailing rotations: 78 turns (or more correctly 78.26) for the disc in its origins, identified this from the nineties of the nineteenth century until the early fifties of the twentieth century, and 33 turns (or to be precise 33 turns and a third) from the end of the Second World War, with its introduction by Columbia in 1948, at the disappearance, we now know momentarily, of the disc to the advantage of competitive digital media. The 45 rpm story represents more a variant that we could define as “editorial” of Long Playing (due to the conquest of the youth market by the record world in conjunction with the development of the mass cultural industry) rather than a third pole of this story, given that both these supports are based on the use of the “micro groove”, an extraordinary technological innovation that has immeasurably increased the scope of the sound content of the phonographic object, and the use of an innovative constitutive material of the disc, “vinyl”, substance that replaced the prevailing shellac and the other materials with which the discs of the previous period had been manufactured.

But the story, especially, in its first twenty years, is decidedly more articulated: hence our desire to offer these tools for reflection.

CREDITIS by Massimiliano Lopez (Ufficio Valorizzazione, Studi e Ricerche ICBSA)

Editorial Staff: Bianca Maria Zaccheo, Antonella Bocca

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search